Come preparare la pelle alla esposizione solare? Come proteggerla dai raggi UV?

Prendere il sole è l’occasione per integrare la carenza di vitamina D, ma anche rischiare le ustioni della pelle e antiestetiche macchie. E non solo! Con ogni esposizione solare acceleriamo il processo di invecchiamento cutaneo. Come evitare questo? Come proteggere la pelle dal sole?

La stagione delle vacanze è già ma i consigli su come abbronzarsi senza rischi bisogna seguire anche nei mesi freddi quando per esempio andiamo in un viaggio ai Caraibi.

Come preparare la pelle al contatto con il sole?

Il sole ci sorprende ovunque, soprattutto durante l’inizio della primavera. È meglio iniziare di preparare la pelle all’esposizione solare sempre un mese prima di atterrare su una spiaggia esotica.

Quale prodotto dovremmo usare prima?

Il primo a cui pensare è il beta-carotene. Si tratta di un filtro naturale che ci protegge dalle scottature e scolorimento, e dal modo in cui fornisce un sano, bel colore già prima dell’abbronzatura.

Quindi carote per colazione, pranzo e cena?
Sì, la carota è un’ottima fonte di beta-carotene, quindi basta anche un bicchiere di succo fresco di carote al ogni giorno. Se non sei amante dei succhi basta assumere gli integratori di alta qualità.

Di quanto beta-carotene abbiamo bisogno?

Bastano 10-16 milligrammi al giorno. Nelle farmacie ci sono preparati adatti, di solito il nome suggerisce che sono indicati per proteggere la pelle dal sole. Abbassano la nostra sensibilità ai raggi solari nocivi. Proteggono da scarti impropri della tintura e permettono di abbronzarsi in modo uniforme. Un’abbronzatura leggera e sopratutto duratura è quella più bella e più apprezzata.

L’uso di un tale integratore, tuttavia, non ci libera dall’uso di filtri alti, specialmente quando abbiamo la pelle sensibile?

A mio parere, i filtri molto alti non sono una buona soluzione per la pelle. Li abbiamo usati educatamente per anni e gli effetti sono stati deludenti. È dovuto principalmente alla diffusa carenza di vitamina D3, di conseguenza, un aumento significativo nelle malattie autoimmuni e il cancro. La vitamina D ha un elevata importanza nel sistema immunitario e questo fattore è stato sufficiente per provocare cambiamenti avversi.

La supplementazione di vitamina D non risolve il problema?

Sfortunatamente, ci sono problemi con l’assorbimento. Il modo ottimale ed economico è garantire che il nostro corpo sia in continuo contatto con il sole (bastano anche le passeggiate quotidiani sotto al sole, non necessariamente un esposizione diretta al sole). Già dopo pochi minuti di contatto con la luce solare diamo la natura la possibilità di fornirci la vitamina D. La pelle catturerà i raggi UV e rilascerà la minima quantità di protezione automaticamente. L’abbronzatura è semplicemente una tintura fatta da melanina.

Melanina è un filtro naturale che dovrebbe proteggerci dai danni. Quando utilizziamo costantemente le creme con i filtri alti blocchiamo la corretta secrezione di questo colorante.

E che dire del buco dell’ozono, dell’inquinamento ambientale, delle radiazioni nocive? Non importa?

Naturalmente, queste sono minacce molto reali e non puoi dimenticarle. Fortunatamente, abbiamo un’arma abbastanza efficace contro di loro, gli antiossidanti come zeaxantina e astaxantina, indicati quando la pelle è estremamente sensibile. Li troveremo in alcuni prodotti alimentari, ma sono disponibili anche gli integratori che li contengono. Al di là vitamina A (beta-carotene è una provitamina), ed anche estremamente importante vitamina C.

E quindi possiamo dimenticare le creme con il filtro?

No! Preparazione della pelle consente un contatto sicuro con il sole senza le creme speciali. I filtri sono ancora necessari, ma devono essere un elemento di protezione, non la unica fonte. Non dovrebbero essere troppo alti. Per una pelle molto sensibile il filtro 30 dovrebbe essere sufficiente.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto